Cosa fare in caso di trattamenti tossici o fuori norma?


1- INFORMARSI
Consulta il nostro Prontuario di difesa dai pesticidi. Il testo è il frutto di un lavoro collettivo e di esperienze maturate in provincia di Treviso e Belluno. SCARICA IL PRONTUARIO

2- CHIEDERE INFORMAZIONI SUI TRATTAMENTI
E' possibile e necessario richiedere sempre al "conduttore " del terreno , con RACCOMANDATA e ricevuta RR, di  essere informati in anticipo sui trattamenti e sulle sostanze utilizzate. ( vedi il testo di legge)
Qui trovi il MODULO (facsimile) per la raccomandata al conduttore agricolo. La procedura è prevista dal DPR 290/200. SCARICA IL FACSIMILE DI RACCOMANDATA AL CONDUTTORE AGRICOLO

3- SEGNALARE AL SINDACO
Il Sindaco è il responsabile della salute pubblica a livello comunale. E' necessario segnalare al Sindaco, con Lettera scritta, ogni fatto ed ogni eventuale violazione di norme riscontrate, possibilmente documentando con foto o video la realtà.
SCARICA IL FACSIMILE DI LETTERA AI SINDACO

4-  CHIEDERE ASSISTENZA MEDICA
Nel caso di gravi sintomi sanitari chiedi assistenza al Pronto Soccorso rilasciando una dichiarazione di essere stati esposti a trattamenti fitosanitari.

5- CHIEDERE ASSISTENZA LEGALE
Sia in casi individuali ( case, famiglia ecc) che in casi collettivi ( scuole, aree sportive, luoghi di cura, parchi, piste cicliabili) in cui si ritenga con cognizione di causa di aver subito un danno è bene chiedere assistenza legale ad un avvocato.

6- CONTATTARE LO SPORTELLO  
Scrivi allo Sportello Sportello illustrando la situazione, i disagi, i fatti e indicando la località. Per un primo contatto puoi eventualmente telefonare.

Accetto l’informativa ai fini dell’ art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali e ai fini dell’articolo 13 del Regolamento UE GDPR n. 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.

Donazione

SOSTIENI MARCIA STOP PESTICIDI
Con una donazione contribuisci all'azione del movimento per una agricoltura ed una alimentazione libere da veleni