WFP: la pandemia di perdita di posti di lavoro e i prezzi alti mettono cibo fuori dalla portata di milioni di persone


Il World Food Programme (WFP) ha avvertito che «Gli alti prezzi del cibo, spinti dalle guerre, dalla fragilità economica e dagli impatti di La Niña, stanno rendendo il cibo nutriente insostenibile per milioni di famiglie che già lottano per far fronte alle perdite di reddito causate dalla pandemia di Covid-19».

il capo economista del WFP Arif Husain sottolinea che «I prezzi elevati del cibo sono il nuovo migliore amico della fame. Abbiamo già conflitti, clima e ovid-19 che lavorano insieme per spingere più persone nella fame e nella miseria. Ora i prezzi del cibo si sono uniti al trio letale. Se siete una famiglia che spende già due terzi del suo reddito in cibo, l’aumento del prezzo del cibo è già sinonimo di guai. Immaginatevi cosa significa se hai già perso parte o tutto il tuo reddito a causa del Covid-19.

Gli ultimi dati sui prezzi alimentari del Market Monitor del WFP dimostrano che «Il prezzo medio della farina di frumento in Libano, dove le turbolenze economiche sono aumentate nell’ultimo anno, a marzo-maggio 2021 è stato del 50% più alto rispetto ai 3 mesi precedenti». In un anno, il prezzo è aumentato del 219%. Intanto, in Siria nello stesso periodo il prezzo dell’olio da cucina è aumentato del 58% e di un incredibile 440% su base annua.

Ma ci sono anche hotspot di prezzi alimentari elevati in Africa: nel Mozambico, devastato dalla guerra scatenata dagli islamisti di Al-Shabaab nel nord del Paese, nel marzo-maggio 2021 il prezzo della farina di manioca è aumentato del 45% rispetto ai 3 mesi precedenti.

Secondo l’indice dei prezzi alimentari della Fao, sui mercati internazionali, dopo essere saliti per 12 mesi consecutivi, a giugno i prezzi dei generi alimentari sono leggermente diminuiti. L’indice si è attestato a 124,6, appena al di sotto del picco di 136,7 nel 2011. Ma in 9 Paesi in cui opera il WFP negli ultimi 3 mesi il costo di un paniere alimentare di base è aumentato di oltre il 10%

Nuove prove sull’impatto della pandemia sulla fame cronica in tutto il mondo saranno pubblicate la prossima settimana nel rapporto annuale State of Food and Nutrition Security in the World (SOFI) che si concentra su soluzioni basate su sistemi alimentari complementari che affrontino i fattori chiave dell’insicurezza alimentare e malnutrizione, conflitti, cambiamenti climatici e crisi economiche.

Il WFP sottolinea che i recenti aumenti dei prezzi hanno un impatto diretto sulle persone che assiste, «ma anche su milioni di famiglie sull’orlo della fame i cui redditi sono stati decimati dalla pandemia». La Banca Mondiale ha stimato che  «La pandemia potrebbe spingere fino a 97 milioni di persone in tutto il mondo in condizioni di estrema povertà entro la fine del 2021».

Secondo l’agenzia Onu Premio per la pace, «I Paesi che hanno maggiori probabilità di subire un’elevata inflazione dei prezzi alimentari sono quelli che dipendono dalle importazioni di cibo, quelli in cui gli shock climatici o dei conflitti potrebbero interrompere la produzione alimentare locale e quelli che soffrono di fragilità macroeconomica – con il Medio Oriente che vede alcuni dei più alti aumenti dei prezzi . In molti Paesi, il deprezzamento della valuta ha ulteriormente aumentato i prezzi dei prodotti alimentari locali, colpendo le persone in luoghi come lo Zimbabwe, la Siria, l’Etiopia e il Venezuela».

Per il WFP «I prezzi elevati del cibo hanno due effetti: «Primo, aumentano il numero di persone nel mondo che hanno bisogno di assistenza alimentare. Second, aumentano il costo di acquisto dei prodotti necessari per le operazioni di assistenza alimentare. Nei primi quattro mesi del 2021, il WFP ha pagato il 13% in più per il grano rispetto all’anno precedente».

E la situazione è davvero drammatica: «Si stima che un record di 270 milioni di persone siano gravemente insicure dal punto di vista alimentare o ad alto rischio nel 2021: un aumento del 40% rispetto al 2020, a causa di conflitti, shock economici, disastri naturali, ricadute socioeconomiche di COVID-19 e ora prezzo del cibo escursioni. Nel 2021, il WFP sta intraprendendo la più grande operazione della sua storia, avendo come target a 139 milioni di persone in tutto il mondo».


Fonte: greenreport - 09.07.2021