Porre fine all’utilizzo del glifosato e costruire un'agricoltura più sostenibile


Mercoledì 7 luglio, ore 14.30, in diretta sulla pagina Fb della Flai Cgil > CLICCA QUI, verrà trasmesso l’incontro sull’utilizzo del glifosato, l’erbicida più diffuso al mondo, impiegato per eliminare le piante infestanti e indesiderate, agendo in modo non selettivo.


Il glifosato è stato brevettato dalla Monsanto Company nel 1974 , multinazionale nordamericana specializzata in biotecnologie agrarie e sementi, nonché leader mondiale nella produzione di alimenti OGM. La Monsanto è stata acquistata dalla Tedesca Bayer nel 2018.

Oltre che in agricoltura è ampiamente impiegato dalle ferrovie per la pulizia dei binari ed è presente anche in prodotti da giardinaggio e per l’hobbistica.
Persone, piante e animali possono essere esposte in molti modi al glifosato e ai prodotti commerciali che lo contengono, sia per esposizione diretta durante le applicazioni in agricoltura e nel giardino, che attraverso l’acqua, le bevande e gli alimenti di origine vegetale (pane, pasta, cereali, legumi, nei quali viene spesso usato come disseccante prima del raccolto), la carne e i trasformati, in particolare laddove gli animali vengano nutriti con derivati da piante OGM. Ma anche le bevande alcoliche come Birra, Vino e Spumanti.

Ad accendere i riflettori sull’erbicida più venduto al mondo è stata la valutazione di cancerogenicità espressa nel 2017 dalla IARC (International Agency for Research on Cancer), organo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ritenuto la massima autorità in campo oncologico.
L’Europa si accinge a valutare se rinnovare o no l’uso del glifosato il 15 DICEMBRE 2022. Nel frattempo alcuni studi di natura indipendente confermanoche è possibile dimostrare la cancerogenicità dell’erbicida.

LA FLAI NAZIONALE INSIEME ALLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, ritiene necessario iniziare la campagna per impedire il rinnovo, da parte della Commissione Europea e degli Stati membri dell’uso del glifosato a partire dal 15 Dicembre 2022.

Il 7 luglio ne discuteranno: Pietro RUFFOLO, Responsabile politiche europee FLAI CGIL Nazionale; Dott.ssa Fiorella BELPOGGI, Direttrice scientifica ISTITUTO RAMAZZINI; Tiziano QUAINI, Coordinatore regionale Associazione Veneta produttori biologici e biodinamici – AVEPROBI; Maria Grazia MAMMUCCINI, Presidente FEDERBIO; Angelo GENTILI, Responsabile agricoltura LEGAMBIENTE Nazionale; Enrico SOMAGLIA, Vice Segretario Generale EFFAT.
Concluderà i lavori Giovanni MININNI, Segretario Generale FLAI CGIL Nazionale.