In questo periodo, nei campi di mele dell’Alto Adige, stanno crescendo i frutti che dall’autunno troveremo nei supermercati e nei negozi di frutta e verdura.
Sotto le piante di melo si possono purtroppo osservare lunghe strisce di erba marrone.
E’ l’effetto dei diserbanti, o erbicidi, che gli agricoltori spruzzano per contrastare le erbe ritenute infestanti.

L’erbicida maggiormente utilizzato è il Glifosato.

Secondo alcuni studi, effettuati su animali da laboratorio, questa sostanza mostra effetti negativi per lo sviluppo riproduttivo ed è sospettata di provocare danni alla salute umana.
Nel 2018, in Trentino Alto Adige, sono stati utilizzati 128.552 kg di erbicidi (fonte dati ISTAT).



Possiamo cambiare questo modello di agricoltura inquinante e distruttiva, rinunciando ad acquistare la frutta prodotta con il metodo dell’agricoltura chimica-integrata, acquistando invece quella biologica.
In questo modo sosteniamo una forma di agricoltura più sostenibile per l’ambiente e per la nostra salute.