PAN, Gentilini (Isde): Cambiare modello agricolo è un’urgenza sanitaria e ambientale

“Mentre dalle più importanti istituzioni internazionali, compreso il mondo medico (Lancet Commission – Food in the Antrophocene), si leva con forza la richiesta di un rapido cambiamento sia del modello alimentare che di quello agricolo l’insabbiamento del PAN è inconcepibile”. Ad affermarlo è Patrizia Gentilini, medico e rappresentante di Isde, l’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente, intervenuta alla conferenza stampa “Per un PAN a tutela di cittadini, agricoltori e territorio” che si è svolta oggi alla Camera dei Deputati.

“Il modello agricolo industriale in atto è la prima causa di pressione sul pianeta – continua Gentilini – mette a rischio interi ecosistemi e contribuisce in modo determinante al riscaldamento globale. L’esposizione residenziale a pesticidi è un indiscutibile fattore di rischio specie per la salute infantile e dove è maggiore l’intensità dei trattamenti maggiore il rischio nell’infanzia di nati pretermine, malformazioni, perdita di Quoziente Intellettivo, autismo e tumori – aggiunge – ma invece di andare verso un uso più sostenibile dei fitofarmaci (come previsto dalla Direttiva Europea 128-2009 CE) si è passati per i pesticidi non ammessi nel biologico da 27.000 ton (soli principi attivi) nel 2013 a 30.000 ton nel 2017 (ultimo dato disponibile). Addirittura la regione Toscana ha consentito l’uso, grazie all’ambigua dizione della “Difesa Integrata Volontaria” e al Piano Utilizzo Fitosanitari e Fitofarmaci ( PUFF) di oltre 150 pesticidi (fra cui 4 vietati da Ministero della Salute) nelle aree di salvaguardia circostanti i pozzi di prelievo di acqua destinata al consumo umano da falde profonde. Tali aree viceversa sono tutelate dal Testo Unico Ambientale e dalle  Direttive Europee che impongono di istituire “aree di salvaguardia per le acque superficiali e sotterranee nelle quali sia vietato applicare o stoccare pesticidi”. Come Isde – conclude – chiediamo che i Ministeri della Salute e dell’Ambiente intervengano presso la Regione per modificare il PUFF e che in tutto il territorio nazionale nelle aree di salvaguardia venga vietato l’utilizzo di pesticidi, consentendo tutt’al più le sole pratiche dell’agricoltura biologica o biodinamica”.

Per scaricare le dichiarazioni di tutti i partecipanti alla conferenza stampa clicca QUA

Per vedere la conferenza stampa, clicca QUA

Per vedere la relazione della Dott.ssa Patrizia Gentilini, clicca QUA

 

Donazione

SOSTIENI MARCIA STOP PESTICIDI
Con una donazione contribuisci all'azione del movimento per una agricoltura ed una alimentazione libere da veleni